mercoledì 29 aprile 2015

American IPA: Asfaltata (Birra 1978 School)

L'abbiamo fatto! 
Abbiamo voluto fare un'American IPA dedicata agli amici di Birra1978, noti tra noi amici homebrewer come i Signori del Luppolo. 
Ci siamo riusciti?
Non del tutto... per arrivare ai livelli bisogna andare giù pesante con le gittate e noi arriviamo da un'altra scuola e bisogna fare esperimenti!!!

Perchè Asfaltata? 
Perchè per Italo e Teo la birra deve asfaltare la lingua, come gli americani sanno fare! E sì questo lo posso garantire, oltreoceano a volte ci vanno giù pesanti con le gittate di luppolo!!!! 
Altro che American IPA italiane...

Ad ogni modo quella che per noi è una birra straluppolata e alcolica per i Signori del Luppolo è risultata beverina... e sì avete capito bene!!! 

Tra gittate da aroma e dryhopping abbiamo toccato i 10 gr/l!!!

Vi lasciamo con questa foto e alla prossima versione di Asfaltata

giovedì 23 aprile 2015

Terzo Posto a "Italians do it Better"

Cari amici vi avevamo gia' presentato SaLina 

Ora siamo felici di informavi che e' arrivata terza al concorso Italians do it Better.

Ecco a voi la ricetta pubblicata su HobbyBirra

Wheat Malt - Germania    1600 gr.
Pilsener - Germania    1000 gr.
Munich Malt - Germania    50 gr.
Sauer(acid) Malt - Germania    50 gr.

Pellets - Hallertauer Mittelfruh    12 gr.    4,3%    90 min.
Pellets - Tettnanger Tettnang    6 gr.    4,1%    20 min.

Fiocchi di Sale delle Saline di Trapani    10 gr.    10 min.

Liquido - German Ale - 1007

Ecco il momento della degustazione:

Nonna Lina - classe 1926




E questa l'etichetta












A presto e alla prossima!

venerdì 17 aprile 2015

Il Vicolo del Bretta: Brown Porter 100% Brett

Brown Porter che ricordi... la prima e+g è stata proprio un tentativo di imitare questo stile. Certo molto lontana dal concetto di porter, ma comunque resta e sará sempre una cotta affascinante...
Quando ti sentivi davvero un piccolo chimico anche se le conoscenze birraie erano molto basilari.
Ora a distanza di anni abbiamo deciso di riprovarci, ma non potevamo certo non sfruttare l'occasione per dedicare parte della cotta all'esperimento 100% brett.
E così ci siamo lasciati tentare e abbiamo dedicato 5 litri all'uso del Brettanomyces Lambicus.
La fermentazione sará lunghissima e andando verso la stagione calda forse non sará l'ideale, ma abbiamo diverse alternative per cercare di limitare i picchi di caldo eccessivo.
Vedremo come andrá...

Per il momento ci concentriamo sugli altri 23 litri giá imbottigliati e che aspettano solo di raggiungere la giusta maturazioni per il primo assaggio.

Sicuramente anche questa sará una piccola rivisitazione dello stile, nulla di sconvolgente, giusto una lontana nota di affumicato...

Ora non resta che aspettare....

venerdì 3 aprile 2015

HER e gli altri luppoli


Buongiorno a tutti,

oggi vi rubo un pochino di tempo per raccontarvi che da pochissimo mi sono dilettata sulla piantumazione di 3 differenti specialità di luppoli:

  • Hallertau Hersbruscker (che affettuosamente da ora in poi chiamerò: HER)
  • Magnum
  • Fuggle


Sono tre rizomi (radice piuttosto grosse)acquistati online che spero vivamente attecchiscano al terreno per poterne vedere i fiori.

Li ho piantati nel periodo giusto (metà marzo) e in teoria si dovrebbero arrivare a maturazione per la raccolta a settembre (ma non di certo di quest’anno :) e forse nemmeno del prossimo).

Ad essere sincera le varietà e il fornitore sono stati scelti dal birrario Peppo, io mi sono resa utile per la parte…chiamiamola così…di giardinaggio da pollice verde!

Tecnicamente parlando ho proceduto in queste fasi:



  • Preparazione della buca (circa 20 cm di profondità)
  • Predisposizione dei paletti di legno (per far arrampicare la pianta in fase di crescita)
  • Ubicazione di concime stallatico (sì, sì cacca in sacchi J)
  • Ricopertura dello stesso con un piccolo strato di terriccio per non fare entrare in contatto le radici con lo stallatico che altrimenti potrebbero bruciarsi.
  • Piantumazione dei rizomi e ricopertura con terriccio pressato



Ho scelto la mezz’ombra e una zona del giardino (dei miei genitori) che fosse riparato dalle correnti grazie ad una bella siepe fitta che spero li protegga dalle folate di vento e dalle correnti.

Nutro tante aspettative soprattutto dal mio “HER” (usato nella Kölsch Mädche a me dedicata) che dovrebbe conferire alla birra un aroma floreale, pulito, lievemente speziato e non invasivo…Ma si sa, ogni coltivatore poi  raccoglie un luppolo personalizzato in base all’altitudine, al clima e alle caratteristiche del terreno in cui cresce…

Speriamo vi soddisfi e che soddisfi il birraio!



Vi allego le foto… e ci sentiamo presto!!







Chiara
 

giovedì 2 aprile 2015

Salina: quando il malto incontra il sale

Come promesso ecco la neonata del Vicolo: birra al sale.

SaLina, questo il suo nome, è dedicata a nostra Nonna Lina, originaria della Sicilia. 

Per onorare queste sue radici abbiamo pensato di brassarla con il sale originario delle Saline di Trapani.

Si ispira allo stile Gose ma ne è una rivisitazione dal momento che non abbiamo effettuato la fermentazione mediante lattobacilli, come lo stile richiede.

Sicuramente una birra che rifaremo in quanto la sua bevibilitá è molto interessante e potrebbe lasciare spazio all'inserimento di qualche rinfrescante spezia o, perchè no, di qualche nota brettata ;-)


a presto con altre novitá