mercoledì 5 novembre 2014

Ricetta Pastiera Napoletana

Buongiorno a tutti!
Sono tornata con una torta decisamente fuori stagione ma che ho preparato di recente per il compleanno del mio papà!! (Auguri!!!)
Parliamo della.... Pastiera Napoletana!!
Chiedo scusa fin d'ora a tutti gli amici homebrewer napoletani che ci seguono se la mia ricetta non è "alla lettera" e soprattutto se non ho inserito la frutta candita (solo per mio gusto personale).
Se avete voglia di provarla e avete un pochino di tempo a disposizione , vi assicuro che ne sarete soddisfatti!

Buon appetito!
Chiara
 
 

Ricetta:

per la pasta frolla: (tortiera grande!!! o due più piccole)

200 gr burro morbido
6 tuorli
120 gr zucchero
600 gr farina 00
2 cucchiaini di sale
1 bacca di vaniglia(poi da incidere)
buccia di un limone non trattato e di un'arancia non trattata

Mescolare tutti gli ingredienti e se risulta un pochino dura aggiungere poco latte. Avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare una mezz'ora in frigorifero.

Per la farcia:

1/2 kg di grano cotto (io ho usato quello pronto in barattolo ;)
1/2 kg di zucchero ( io ne ho messo meno!!)
1/2 kg di ricotta fresca
1/2 lt di latte fresco intero
1 cucchiaio di burro
cannella a piacere
1 bustina di vanillina o aroma
1 fiala millefiori
canditi a piacere
6 tuorli + 3 bianchi a neve
buccia di limone non trattato (a pezzi)
sale


Mettere a scaldare il grano con la buccia di limone a pezzi grossi (perché poi va tolta), 2 cucchiai di zucchero, 1 pizzico di sale, un cucchiaio di burro e un pochino di latte. Lascio raffreddare....e tolgo la scorza!

Setacciare la ricotta, aggiungere lo zucchero e amalgamare, aggiungo i tuorli, il latte e poi cannella, la vanillina e la vaniglia, il millefiori e i canditi (se piacciono).
Per ultimo unisco il composto di grano cotto e stendo la frolla nella teglia (o due più piccole). Per ultimo monto gli albumi a neve (così non si smontano) e li incorporo..
Trasferisco il composto all'interno del guscio di frolla e con la pasta avanzata faccio le classiche strisce sopra (stile crostata). Inforno a 180 per circa 2 h. per la torta unica grande, meno se più piccole...
Fare la prova stecchino per valutare l'interno...

Consiglio di fare la torta almeno il giorno prima di mangiarla...diventa più buona!!

7 commenti:

  1. Ahhhhhhhh la pastiera napoletana!
    Uno spettacolo vero!!!
    Da paura.
    Io non faccio dolci....ma la pastiera non e un dolce....e un tripudio!
    E quindi provai a farla.
    Con risultato scarsino.
    Per me i canditi sono imprescindibili.
    Grande.
    Il papà avrà certamente gradito. ;-)
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Conco! Dai riprovaci con questa ricetta, non ti deluderà...Ci vuole una sana dose di pazienza ma il risultato riscalda il cuore e...lo stomaco!!
      GNAMM! Chiara

      Elimina
  2. No i dolci non fan per me...non ho la mano!
    Poi purtroppo la prima volta che l'assaggiai fu da uno zio di mia moglie.
    Napoletano di natali.
    Ed era FAVOLOSA.
    Fu amore a prima vista!
    Per quello tentai.
    Invano....ma lo feci.
    Sono molto più portato per esempio al ragù napoletano...con gli ziti!
    I dolci invece... :-(
    Non si può far tutto nella vita!
    Beato Druido che può bearsi di assaggiare!
    Salutamelo!
    E complimenti ancora!

    P.s ma non si usa l'essenza d'arancio?....il millefiori e quello?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Come essenza ho usato il Millefiori...ma poi meglio lo zest puro di arance e limoni non trattati ;)
      Grazie dei complimenti, che ricambio !
      p.s scambio volentieri una torta per una bottiglia della famosa Cozzamara!!

      Elimina
    2. Grande Conco che di tanto in tanto passa a trovarci :)
      Hai visto la pasticcera che e' sempre all'opera?
      Dai magari ci preparera' qualcosa di particolare quando ci si vedra' al Vicolo!!

      A presto

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Ciao Peppo....si si ho visto che Chiara e sempre all'opera!
    E che opere! ;-)
    Ma Chiara poi nello scambio ci perdi tu.
    E comunque la birra in questione la porterò di certo da farvi assaggiare al Vicolo, quando ci beccheremo per quella famosa verticale!
    A presto quindi!

    RispondiElimina