mercoledì 26 febbraio 2014

Imbottigliamo la nostra Pils

Il bello di fare la birra è la continua lotta tra voglia di accorciare i tempi per assaggiare la propria creatura e dover pazientare per rispettare  tutte le fasi della fermentazione.
Quando poi vi capita di brassare una bassa fermentazione le settimane passano così lente che il vostro unico pensiero è "se devo aspettare così tanto fai che sia qualcosa di bevibile...".
In questi momenti ti chiedi come facciano i grandi birrai e homebrewer a produrre Lambic.
Se provo per un attimo ad immaginarmi produttore di lambic penso che dovrei affittare una cantina all'interno di un castello circondato da un fossato senza ponte elavatoio con a guardia un drago affamato, ma astemio, cosi' che non possa consumare le varie botti prima del dovuto...

Ma cosa succede quando i libri ti insegnano a rispettare la fermentazione di una Pils, ad aspettare la fase di diacetyl rest per poi iniziare la lagerizzazione e il tuo lievito va dritto come un treno fino alla densita' finale prevista dalla tua ricetta senza dirti niente?
A quel punto speri in cuor tuo che possa comunque essere corretto, che il diacetile si possa riassorbire dopo una lunga lagherizzazione e per cui non ti resta che imbottigliare....

Ora la tua creatura e' in rifermentazione, ma sai che dovrai aspettare piu' di una settimana per iniziare la lagerizzazione e che questa non potra' durare meno di un mese...


insomma e' qui che davvero speri che ogni possibile errore sia sanato dall'azione del lievito e che quello che stai aspettando, quel momento in cui assaggerai la tua Pils possa essere qualcosa di indimenticabile e non il triste momento in cui riprendi in mano il il tuo taccuino pieno di appunti per cercare di capire cosa hai sbagliato....


.....mentre assaggi la Pils di qualche Mastro Birraio Italiano